Himara: luci e ombre della Costa Azzurra albanese

Dall’esperienza personale del corrispondente in Albania, il giornalista Artur Nura.

Quest’anno ho trascorso una settimana di vacanza in famiglia sulla riva di Himara e, sempre mentre siamo stati sulle spiagge d’oro nel Sud, abbiamo cambiato numerosi lidi ogni giorno e provato gran parte dell’area.

Come giornalista, non mi sono concesso pause durante le vacanze, in modo da poter svolgere il mio compito di osservare e indicare tutto ciò che, a mio parere, non funzionava a dovere.

Infatti, appena arrivati a Himara abbiamo dovuto aspettare circa 10 minuti in macchina perché la stradina di fronte al Comune era bloccata da una fermata dell’autobus per i turisti e abbiamo dovuto aspettare fino a quando tutti sono scesi, hanno preso i bagagli e sono andati alle loro destinazioni! Ciò è accaduto mentre ancora davanti al Municipio, ma nessuna delle autorità ha reagito a questa violazione delle regole del traffico.

Non ho visto la polizia locale o statale! Non appena ci siamo tolti di mezzo, ci siamo trasferiti a destinazione e subito ci siamo imbattuti in alcuni agenti che parlavano con toni ordinativi, impedendo il parcheggio delle automobili su entrambi i lati della strada principale tra i palazzi e la riva!

Le loro chiacchiere erano arroganti e a volte arrivavano le solite multe! Ho dovuto chiedere dove potevo trovare parcheggio, e non ho alcun problema a dire che quegli “ufficiali” erano certamente al servizio di questi parking privati che, secondo la mia tasca, avevano un prezzo salato di 400 Lek al giorno!

Primo giorno in spiaggia

Dopo esserci sistemati nell’appartamento, siamo andati a rinfrescarci nel mare e molto vicino a noi c’era una spiaggia piacevole con alcuni ombrelloni affascinanti e una sedia di plastica, anche se non molto comoda! Sembrava quella parte della spiaggia coperta da un locale chiamato Manolo Beach Bar!

Meravigliosi tavoli e ombrelloni, che meritano una visita. Poi, verso le 20 lo staff e la caffetteria ci hanno implorato di allontanarci perché lì improvvisano i locali dove la clientela può bere un bicchiere di birra, coca-cola o altre bevande sulla riva del mare in accompagnamento alle onde del Mar Ionio.

Dopo che siamo usciti, ho notato che tutto intorno era pieno di ombrelloni familiari eppure non c’erano spiagge private! La giornata è stata chiusa con una cena leggera e non molto costosa nei locali vicino al lungomare.

Altri giorni della spiaggia, e la “felice isola” dei locali di Neranxi

Siamo passati attraverso Livadh, Potam, Jal e Dhermi, quella che viene chiamata la nuova spiaggia, Drymadhes Inn. Personalmente devo dividere queste spiagge in due categorie e discutere le differenze!

Posso dire che secondo la mia esperienza Livadh e Potam sono molto vicini al centro di Himara, con spiagge meravigliose, buoni servizi e cibo di qualità.

Mentre in Jal e Drymadhes Inn i servizi sono molto amatoriali e poco professionali, a fronte di prezzi che sono molto alti e con una qualità del cibo molto a desiderare, almeno dove ci siamo fermati!

In realtà, dopo essere arrivati a Jal abbiamo dovuto pagare un parcheggio di 400 lekë più altri 800, e dopo questo pagamento quasi come anticipo ci siamo goduti finalmente la riva e l’acqua dello Jonio. Le aree sono di proprietà PUBBLICA e quelli che non sembrano del posto sono trattati come se avessero la loro proprietà e con il solo diritto di essere “spennati”.

Più o meno la situazione era simile nella Drymadhes Inn, dove fortunatamente c’era un parcheggio gratuito, ma non appena arrivati a un ombrellone, un signore in jeans voleva 1000 lek per offrire l’ombra. Gli ho chiesto perché fosse così costoso, mi ha risposto che non sapeva nulla. Alla mia domanda sulla fattura fiscale, mi ha risposto “Se vuoi te la porto”.

La legge ti costringe a portare il conto e a consegnarlo al cliente, certo che il contadino (non ho niente con i contadini e li rispetto, ma ognuno nel suo paese) può non conoscerla, ma va attuata!

Mentre a Mead e Potam, le due estremità della spiaggia di Himara, i parcheggi erano 500 leke, nelle spiagge in cui siamo stati i dipendenti erano ragazzi giovani e vestiti in uniforme oltre che molto educati. La fattura era lì immediatamente su richiesta del cliente o semplicemente alla fine della consumazione.

In realtà, non sarebbe potuto accadere diversamente, almeno per noi.

A Livadh abbiamo scelto di soggiornare presso la spiaggia dell’Istituto Kulinar N. Neranxi e abbiamo appreso che il personale proveniva dal gruppo di studenti di quella scuola, che si esercitavano esattamente in quelle spiagge durante l’estate.

Da quegli studenti e dal loro principale abbiamo appreso che c’era anche a Potam un ristorante e un hotel sulla spiaggia chiamato “Ammos”, dove servivano anche gli allievi di quella scuola di cucina, e così il giorno dopo abbiamo provato anche questo secondo locale dove i servizi erano professionali e ovviamente in entrambi i casi sono molto soddisfatto del servizio, dei prezzi e della qualità del cibo.

Pasti nei ristoranti di Livadh, Potam, Jal e Drymadhes Inn

Il cibo che abbiamo consumato durante la settimana, si distingue fra il gruppo di cibo di qualità che ha prezzi accettabili e si può trovare solo in Livadh e Potam, e la qualità e gli alimenti molto costosi che trovano in Jal e Drymadhes Inn.

In parole concrete possiamo dire che il pesce in Potam di Livadh è costato 600 lek, con il vino fino a 1.200, 1.500 il più costoso (non parlando di pesce selvatico); mentre in Jal e Drymadhes Inn con la caraffa di vino si può trovarlo a 1.200 e fino a 1.800 Lek.

La qualità della cucina che abbiamo provato era solo a Potam e Livadh, e io personalmente ho dovuto cenare a parte quando sono tornato nella stanza al Drymadhes Inn, sopprimendo ciò che avevo mangiato lì che non solo aveva svuotato il portafoglio ma aveva fatto violenza al mio stomaco!

Conclusioni personali

Questa è la mia opinione personale e rilasciata solo dalla mia esperienza, ma va detto che tutta questa situazione assurda si verifica perché lo Stato era assente, mentre i soli controlli sono sugli avversari politici!

Ci si lamenta sempre delle tasse alte, ma a quanto pare dove i prezzi erano più alti questo non era dovuto solo alle tasse o alle bollette, le stesse dei locali dove i prezzi erano più accettabili e la qualità migliore!

Secondo me in un luogo in cui il potere e il pre-potere supera lo Stato, ovviamente gli agenti sono al servizio del partito o del potente di turno. Non sono mai dove la legge viene violata, ma sempre dove i cittadini onesti possono fare un “piccolo errore” formale, e allora giù con le multe!

Non sorprende che in Himara spesso troviate ministri e autorità politiche che vanno dal primo ministro Edi Rama in giù, ma credo che questa località debba fare i conti meglio e scegliere non il potere ma lo Stato per avere una effettiva uguaglianza davanti alla legge!

Solo così, la nostra splendida Costa Azzurra diventerà un paradiso per i turisti, al riparo da abusi o da prezzi esosi e per una vacanza da ripetere anche l’anno successivo!

© 2018, Katia Pisani. All rights reserved.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.