Turismo naturale in Albania. Il Parco Naturale di Prespa

Il Parco di Prespa è situato a 45 km a nord-est di Korça. Questo parco, che copre una superficie di 27.750 ettari, è così eterogeneo da comprendere montagne, laghi, boschi e pascoli. La flora e la fauna del parco sono abbastanza uniche: 56 tipi di piante, otto tipi di pesci endemici (tra cui carpa, anguilla, murena, savetta, carassio e alborella) e il raro Pelicanus Crispus (Pellicano riccio) che si trova solo qui e a Karvasta, in Grecia.

Sono presenti sette piccoli villaggi rurali. Nessuna città e nessuna industria. Quindi un tesoro naturale poco conosciuto può essere scoperto. Le acque del Lago di Prespa sono trasparenti e la linea di costa è in parte rocciosa e in parte con spiagge di sabbia. La composizione geologica del lago è calcarea, carsica e di origine tettonica. I Laghi di Prespa (Piccolo e Grande Prespa), al crocevia di frontiera, hanno una superficie di 49.5 km quadrati nella parte albanese, ma si estendono anche in vicinanza di Macedonia e Grecia. La profondità dei laghi arriva fino ai 54 metri, con una temperatura dell’acqua che in estate raggiunge i 24 °C e in inverno precipita a 0-4 ° C. Sottacqua, c’è un tratto che lega i Laghi di Prespa e il meno profondo ma più grande Lago di Ohrid.

Sulla pittoresca Isola dei Serpenti (Maligrad o Mali Grad), nella parte albanese del Piccolo Lago di Prespa, ci sono le rovine di una Basilica, Monumento Culturale d’Albania. Costruita nel XIV° secolo in una caverna rocciosa, è nota per le sue belle icone murali di stile bizantino, che si trovano sia all’interno che all’esterno della costruzione. Anche questa Basilica, come tante altre in Albania, è dedicata alla Vergine Maria.

Anche nel villaggio di Kallamas (nella parte orientale del Parco- dal 2013 il nome ufficiale del villaggio è Tuminac, n.d.t.), c’è una Chiesa dedicata a Santa Maria e dichiarata Monumento Culturale. Anch’essa è stata ricavata all’interno di una grotta.

Traduzione da: http://www.visit-korca.com/site/article.php?aid=106&cid=122

© 2016 – 2017, Katia Pisani. All rights reserved.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *