Costo della vita 2016, Tirana rimane la città più cara nella regione balcanica

Vivere nella capitale albanese costa ad uno straniero più che in Macedonia, Serbia e Bosnia. Anche se l’Albania è classificata tra le prime 20 nazioni più economiche del mondo, rimane ancora la più costosa dell’area balcanica. I dati sono quelli analizzati dall’Indice del Costo della Vita 2016, recentemente pubblicato da Mercer (è una società di consulenza, n.d.t.).

Il sondaggio annuale sul Costo della Vita effettuato dall’Agenzia Mercer, per la ventiduesima volta quest’anno, ha stilato una classifica delle città più care e di quelle più economiche al mondo, considerando, tra i tanti elementi (in totale sono 200 tra beni e servizi) il costo delle case, del trasporto, del cibo, del caffè e dell’abbigliamento. Il sondaggio si rivolge principalmente agli stranieri che lavorano e vivono in Paesi diversi da quelli di origine.

Tirana è classificata al 186° posto su 209 città che sono state prese in considerazione (la classifica va in ordine decrescente per costo di vita, n.d.t.). Per uno straniero, Belgrado è più conveniente di Tirana e si trova nella posizione 193. Sarajevo è, invece, al 195° posto e Skopje rimane la più economica nella regione balcanica (ma è anche tra le 10 più economiche al mondo) e si trova al 199° posto.

Hong Kong, la più costosa al mondo

Hong Kong è in cima alla lista 2016 delle città più costose per gli stranieri, seguita, al secondo posto, capitale dell’Angola. Zurigo e Singapore restano, rispettivamente, al terzo e quarto posto, mentre Tokyo è al quinto, in salita di sei posti rispetto allo scorso anno. Kinshasa, al sesto posto, appare per la prima volta nella top 10, in salita dalla posizione 13 dell’anno scorso.
Altre città che compaiono nella lista Mercer delle 10 città più costose per gli stranieri sono Shanghai (7), Ginevra (8), N’Djamena (9), e Pechino (10). Le città più economiche sono Windhoek, in Namibia, (209), Città del Capo, in Sud Africa (208) e Bishkek, in Kurkizistan (207).

Traduzione da: http://www.monitor.al/kosto-e-jeteses-2016-tirana-mbetet-e-shtrenjta-ne-rajon/

La precedente relazione di Mercer sulla qualità della vita, pubblicata nel febbraio di quest’anno, inseriva Tirana tra le tre città peggiori in Europa nelle quali vivere. Il link originale dell’articolo, che non ho mai tradotto, è consultabile, in lingua albanese, al seguente indirizzo:
http://www.monitor.al/mercer-tirana-qyteti-parafundit-cilesine-te-ulet-te-jeteses-ne-europe/
Per chi conosce la lingua inglese (la Mercer ha il suo quartier generale a New York, sebbene abbia anche sedi italiane a Roma e Milano), può andare direttamente al sito della società. La pagina in cui viene spiegata la metodologia usata per stilare la classifica di qualità della vita è questa qui: https://www.imercer.com/content/mobility/quality-of-living-city-rankings.html

© 2016 – 2017, Katia Pisani. All rights reserved.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *