Valona e Tirana, ​​le città con il più alto tasso di disoccupazione in Albania

Mentre il tasso di disoccupazione ha avuto un calo tendenziale nel primo trimestre del 2016, un’indagine dell’INSTAT (è l’ISTAT albanese, n.d.t.) pubblicata per la prima volta dimostra che le città di Valona e Tirana hanno il più alto tasso di disoccupazione in Albania, rispetto ad una media nazionale del 16,9%.

L’elevato tasso di disoccupazione nella capitale sembra riflettere la pressione fiscale sui differenti settori lavorativi, per i quali le tasse locali sono raddoppiate quest’anno. Tirana conta, infatti, un 69,4% di occupati nel settore dei servizi, un 25,7% nell’industria e solo un 4,7% nell’agricoltura. Il dato, inoltre, è giustificato anche dal maggior numero di potenziali lavoratori disponibili, dal momento che solo nel primo trimestre del 2016 la popolazione di Tirana è aumentata di 10.858 persone.

Gli spostamenti della popolazione dalle periferie verso il centro del Paese garantiranno a Tirana un tasso positivo di crescita, a differenza delle altre città, le quali, stando ad una proiezione demografica dell’INSTAT, subiranno un calo di abitanti. Guardando alla classifica, quindi, Valona ha in assoluto il più alto tasso di disoccupazione, con il 26,7%, seguita dalla capitale, con il 23%. Inoltre, alti tassi di disoccupazione hanno Kukës, Lezha, Argirocastro e Durazzo.

La mappa regionale della disoccupazione rivela, comunque, dei dati interessanti per quanto riguarda alcune Prefetture che, nonostante ad una prima percezione sembrino godere di un più alto livello di benessere, in realtà vengono smentite dalle cifre. Abbiamo, quindi, da una parte le città a vocazione turistica (come Durazzo, Valona e Lezha) che hanno un alto tasso di disoccupazione, superiore alla media nazionale; dall’altra parte, Distretti la cui economia si basa sull’industria pesante e quella dell’abbigliamento (come Berat, Scutari, Elbasan e Fier) che hanno un tasso di disoccupazione inferiore alla media.

Nella tabella, si può vedere la percentuale per Distretto.aquila albania disoccupazione 2016

L’Istituto di Statistica ha spiegato che il calcolo è stato reso possibile dall’aumento del numero di famiglie nel sondaggio, dalle 5.040 del periodo 2012-2015 alle 7.924 del solo primo trimestre del 2016.

Traduzione da: http://www.monitor.al/tirana-dhe-vlora-qytetet-papunesine-te-larte-ne-vend/

 

© 2016 – 2017, Katia Pisani. All rights reserved.