La nuova Piazza Skanderbeg a Tirana. Il progetto

Tirana avrà una sua piazza centrale, interamente pedonale, con le pietre e la vegetazione di tutte le regioni albanesi. Il Comune di Tirana ha presentato, infatti, il progetto della nuova Piazza Skanderbeg, la cui attuazione inizierà da giugno, dopo averne discusso con tutti i cittadini della capitale. Secondo quanto riferito dallo stesso sindaco di Tirana, Erion Veliaj, per costruire la nuova piazza verranno utilizzate lastre di pietra provenienti da tutti i territori albanesi, compreso il Kosovo, e da tutte le altre aree in cui vivono gli albanesi. Verrà incrementata la vegetazione, che, sommata al verde già esistente, renderà la piazza simile ad un parco in cui poter stare insieme e organizzare attività pubbliche. Da un punto di vista ecologico, la nuova piazza diventerà a tutti gli effetti il polmone verde di Tirana.

Nel progetto complessivo del nuovo volto della piazza, saranno coinvolti anche gli edifici intorno: i Ministeri, il Municipio, la Moschea, il Palazzo della Cultura. L’intera area intorno al Museo Nazionale sarà composta da alcune mini-piazze e da piccoli parchi, in modo da creare spazio sufficiente per eventi pubblici più piccoli. La parte centrale fornirà quegli spazi più ampi che meglio si adattano agli eventi di grande portata, quali i comizi politici o le esibizioni artistiche di qualsiasi tipo; in tal caso, è già predisposta la soluzione del transennamento per isolare, ma al contempo, mettere in sicurezza, il grande afflusso di persone.

Il progetto dovrebbe generare lavoro per circa 1000 unità, dalla data di inizio dei lavori a giugno 2016 fino alla fine, prevista per giugno 2017. Data la posizione cruciale della piazza in termini di viabilità, il Sindaco prevede di organizzare i lavori in tre turni giornalieri, in modo da non diminuire, per quanto possibile, la scorrevolezza del traffico. Una installazione digitale in piazza permetterà di vedere il progetto in 3D. Poiché i lavori, complessivamente, si estenderanno anche in una parte del cosiddetto ‘Piccolo anello’ (Unaza e vogël), il Sindaco sta pensando di suddividere la progettazione dell’area in 11 diversi parchi più piccoli, ognuno con una lavorazione indipendente, in modo tale che i cittadini non debbano aspettare i 12 mesi dell’intero progetto, ma potranno beneficiare dei parchi man mano che verranno terminati.

Gli elementi chiave di questo progetto sono la vegetazione, le pietre naturali, l’acqua che sarà utilizzata per le fontane e per l’irrigazione delle parti verdi e l’illuminazione degli edifici intorno alla piazza e la piazza stessa. Le pietre naturali saranno sotto forma di lastre di pietra, spessore 10-12 cm, prese da tutti i territori dell’Albania, a partire da Tropoje e Kukës, Bilishti, Librazhdi, pietre calcaree di Tirana, Korca, Gjirokastër, Saranda, Berat, Valona, Kruja, Bulqiz, Prizren, Ersek, Skrapar. Con questo materiale si ricoprirà quasi 41 mila m2 di piazze e marciapiedi.

Per quanto riguarda il verde, il progetto porterà al centro di Tirana 900 alberi decorativi ad alto fusto, 520 alberi da frutto, 954 arbusti alti e 4400 arbusti bassi per decorazione urbana e 35 mila radici di fiori. Un’altra novità di questo progetto è la sua prospettiva ecologica, poiché verrà utilizzata l’acqua piovana nel sistema di irrigazione e di alimentazione delle fontane. Inoltre, l’illuminazione degli edifici pubblici che circondano la piazza utilizzerà pannelli solari e il sistema a luce radiante.

Link originale del Comune di Tirana (da cui è stata tratta la simulazione fotografica che vi ho messo in copertina d’articolo):

http://www.tirana.al/projekti-i-sheshit-te-ri-skenderbej/

Già che ci siete, vi ricordo che il prossimo giugno è prevista l’inaugurazione del nuovo parco giochi presso la zona del Lago Artificiale. Ne parlo qui Progetto del nuovo Parco giochi di Tirana

 

© 2016 – 2017, Katia Pisani. All rights reserved.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *