Monasteri e chiese d’Albania. Parte 1

Il Paese delle Aquile, oltre che per il mare, può essere una meta interessantissima anche per il turismo culturale e religioso, grazie alla presenza di numerosi e bellissimi monasteri e chiese, tutti con una storia centenaria alle spalle. Sono sparsi un po’ in tutta l’Albania e sicuramente l’elenco non è completo, ma almeno questo articolo e il prossimo vi possono servire come guida per prendere riferimenti di tipo geografico, in modo da organizzare al meglio il vostro viaggio. Vediamo insieme i primi tre:

Il Monastero di Maria Theotokos ad Ardenica

Situato nella Prefettura di Fier, distante circa 8 km da Lushnje, il monastero risale al 13° secolo ed è storicamente famoso perché è il luogo nel quale l’eroe nazionale albanese Skanderbeg si è sposato con Andronika Arianiti nel 1451. E’ un monastero di tipo ortodosso, costruito dall’imperatore bizantino Andronico II il Paleologo e fino agli inizi del secolo scorso aveva un’importante biblioteca, contenente oltre 32.000 volumi, che andò distrutta in un incendio nel 1932. All’interno del monastero si trovano la Chiesa di Santa Maria (che contiene affreschi dei fratelli Kostandin e Athanas Zografi, pittori di Korça) e la Cappella della Santa Trinità.

Il Monastero di San Giovanni Vladimiro a Shijon

A circa 5 km da Elbasan si trova questo monastero risalente al 14 ° secolo dedicato al principe Giovanni Vladimiro di Doclea, martire della religione ortodossa il 3 giugno dell’anno 1005 d.C. e sepolto nel luogo dove poi sarebbe sorto il monastero stesso. Shijon, nato inizialmente come un piccolo villaggio, ha preso il nome da quello del suo Santo.Se doveste organizzare le vostre vacanze in Albania ai primi di giugno, segnatevi il giorno 4, poiché a Shijon questa data è da secoli una festa ufficiale, così come sono da noi le feste patronali. Il monastero, infatti, diventa luogo di pellegrinaggio di fedeli di tutte le religioni provenienti non solo dai dintorni di Elbansan, ma anche da fuori. La festa è nota in lingua albanese come ‘Dita e Mirëkuptimit dhe e Harmonisë’, cioè ‘Giorno della Comprensione e dell’Armonia’.

Il Monastero di Santa Maria a Zvernec

A pochi chilometri da Valona, percorrendo una strada che attraversa un grande bosco, si arriva ad un isolotto situato nella Laguna di Narta. L’isolotto prende il nome di Zvernec, collegato alla terra ferma da un ponticello in legno (al momento in cui vi scrivo, il ponte risulta danneggiato, per cui è praticabile fino a metà. Poi, per poter raggiungere il monastero, si deve prendere una barchetta).

Il monastero ortodosso che ci si trova sopra, risalente al 13-14° secolo e abbandonato nel 1966 quando è cominciata la campagna dell’ateismo voluta dalla dittatura di Hoxha, è miracolosamente sopravvissuto al suo stesso abbandono, benchè, come capitato per Ardenica, anche la biblioteca di Zvernec sia andata perduta. Nel mese di agosto, nei giorni 14 e 15 il monastero si anima, in occasione della celebrazione della Dormizione (l’Assunzione in cielo) della Vergine Maria.

Volete il resto dell’elenco? Ecco l’articolo relativo Monasteri d’Albania. Parte 2

 

 

 

 

 

© 2016 – 2017, Katia Pisani. All rights reserved.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *