Lavoro in Albania. Libere professioni: la tassazione vola oltre il 60%

L’aumento dei contributi previdenziali e infortunistici per le libere professioni dal 1 ° gennaio 2016 e le nuove tasse del Comune di Tirana hanno inciso in modo significativo sul carico fiscale di questa categoria nella capitale, tanto che si è calcolato che esso incida per più del 60% sui proventi da attività.

Dal 1 ° gennaio, gli autonomi pagano i propri contributi in base agli stipendi di riferimento individuati dal Consiglio dei Ministri, il che automaticamente ha portato alla triplicazione dei contributi mensili da 6.500 lek a quasi 21.000 (da 47 € a 152 €).

Armand Mala, esperto commercialista, ha fatto un calcolo di quante tasse deve pagare un dentista che ha un fatturato annuo fino a 4 milioni di lek (circa 29.000 €) e un dipendente (nel link originale c’è la tabella dettagliata elaborata dal commercialista intervistato).

Solo di imposte comunali, il dentista deve pagare circa 43.000 lek (equivalenti a 310 €, in cui sono compresi pubblicità, pulizia, costi di aggiornamento e la famigerata tassa sulle insegne). Con la precedente tassazione in vigore fino al 31 dicembre 2015, lo stesso dentista avrebbe pagato meno di 5.000 lek all’anno (36 €).

I contributi annuali per il datore di lavoro sono 251.700 lek (1.820 €), cioè 171.500 lek (1.241 €) in più di un anno fa, quando erano calcolati in base al salario minimo. Solo considerando le imposte comunali e i contributi da versare, il dentista paga circa 210.000 lek (1.520 €) in più di tasse all’anno.

Calcolando anche l’imposta sugli affitti e i contributi assicurativi per il dipendente, il totale annuale versato in tasse dal dentista raggiunge circa 429.000 lek (3.100 €), cioè il 10,7% del fatturato totale.

Se si aggiungono anche le spese per i materiali (acquisto delle forniture mediche) e le altre spese amministrative (affitto, lo stipendio mensile dei dipendenti), il costo stimato per l’attività del dentista raggiunge i 3,35 milioni di lek (quasi 24.300 €), consentendo al dentista di realizzare un utile di 647.000 lek (4.700 €). Secondo le stime, il peso complessivo delle tasse sui profitti è del 66,3% (429.000 / 647.000 lek per anno o 35.735 / 53.932 lek al mese- cioè 3.100/4.700 € annuali o 258/390 € mensili).

Nei calcoli della tabella vengono ignorati alcune spese periodiche che sono obbligatorie in una clinica dentale, come il pagamento per il certificato di igiene, lo smaltimento dei rifiuti sanitari speciali, licenza, l’iscrizione all’Ordine dei Medici.

Ecco come NON fare impresa in Albania” – afferma l’esperto. “Come può lo Stato pretendere di ottenere il pagamento di 35.735 lek al mese da un contribuente che ne guadagna solo 53.932?” – si chiede il dr. Mala, affermando anche che alcuni di questi professionisti saranno costretti a chiudere la loro attività e a lavorare altrove, il che rappresenta sicuramente un elemento negativo per il clima economico nel paese.

Link originale:

http://www.monitor.al/profesionet-e-lira-pas-kontributeve-tarifat-e-bashkise-e-cojne-normen-e-taksave-mbi-fitimet-ne-mbi-60-3/

© 2016 – 2017, Katia Pisani. All rights reserved.